Links  Contatti  Credits  
Parrocchia di San Martino
Orari SS. Messe
Prefestiva
ore 18.00

Festive
ore 9.30 - 11.00 - 18.00

Feriali
ore 9.00
martedì 9.00 - 20.30
mercoledì ore 9.00 -17.30 a Bruscò

Le SS. Messe del mattino sono precedute dalle Lodi
Le Vespertine dalla recita del S.Rosario
Parrocchia San Martino
Viale Segantini, 14
20050 Veduggio con Colzano (MI)
Tel: 0362 911025
Parrocchia di San Martino
Cerca    
Banda

La Banda di parata, con il nome di Brianza Parade Band, ha partecipato il 20 giugno 2009 alla gara di campionati italiani tenutasi a Monza.
Con grande soddisfazione di tutti ha conquistato il 3° posto.

Guarda il filmato

Il corpo Musicale

 

Il primo articolo dello Statuto dell'attuale Corpo Musicale S. Cecilia così recita: "E' istituito in seno alla Società Cattolica di Mutuo Soccorso in Veduggio con Colzano un Corpo Filarmonico, allo scopo di condecorare le funzioni religiose, e prestare alla gioventù un passatempo utile, onesto e dilettevole".

Sia pur per sommi capi, possiamo illustrare il sopracitato Statuto.

"... Chi desidera far parte del Corpo Musicale deve appartenere alla Società Cattolica quale socio effettivo, e, dopo aver inoltrato regolare domanda al Consiglio Superiore, è tenuto  a versare la somma di £. 5, quale tassa d'entrata e cauzione. Il nuovo socio è considerato dapprima quale socio allievo, e passa poi effettivo quando il maestro lo dichiara idoneo. L'allievo che si ritira, per scarsa attitudine alla musica, ha la possibilità di rientrare, ripetendo il versamento di £. 5. Così pure l'allievo che si ritira, per motivi di salute o di famiglia.

 

Perde invece ogni possibilità di reinserimento chi si ritira per ragioni giudicate non serie dalla direzione, o chi viene espulso per indisciplina o per grave mancanza.

La scuola è obbligatoria tanto per gli effettivi quanto per gli allievi. Chi manca viene multato di centesimi 15.

Se manca per malattia, deve giustificare l'assenza alla direzione.

Nella scuola i soci devono trovarsi un po' prima dell'ora fissata, tenere un contegno rispettoso, e osservare il silenzio durante l'istruzione.

Per poter suonare a piccole armonie in convegni, o in luoghi pubblici e privati, occorre uno speciale permesso dalla direzione.

Nessuno dei soci effettivi può esentarsi dai servizi pubblici senza un valido motivo, da notificare per tempo alla direzione.

Tale mancanza comporta un'ammenda di £. 2, e, in qualche particolare caso, l'espulsione immediata dal Corpo".

 

L'ultimo articolo, il diciottesimo, dello Statuto dice testualmente: "Il socio dovrà strettamente tenersi al rispetto ed al decoro che ben s'addice ad un Corpo ben disciplinato, onde ottenere la pubblica approvazione, e raggiungere il fine vero della musica, che è d'ingentilire gli animi, far belle le nostre riunioni, e divertirci senza offendere né Dio né gli uomini".

Letto e commentato il regolamento nell'adunanza generale della Società Cattolica tenuta il 27 novembre 1898, è approvato all'unanimità.

E così nacque il Corpo Musicale S. Cecilia di Veduggio.

La Direzione era così composta:Presidente: Clerici Luigi - Ass. Ecc.: don Carlo M. Colombo, parroco - Vice Presidente: Galleani Felice - Segretario: Zaffaroni Agostino.         

Nel 1903 è approvato  dalle competenti autorità il figurino per la prima divisa del Corpo Musicale di Veduggio-Colzano: figurino che qui riportiamo con le debite approvazioni.

Nel 1914 arriva a Veduggio don Giuseppe Mambretti, un appassionato di musica. Don Giuseppe e il Corpo Musicale S. Cecilia compongono un binomio inscindibile.

Don Mambretti copia, istrumenta, dirige. Quanti concerti per tutta la Brianza e oltre la Brianza.

Il Corpo Musicale di Veduggio si fa veramente un nome, grazie a tanto Maestro.

 

L'eredità "musicale" di don Giuseppe è accolta poi dall'attuale parroco don Naborre, pure lui appassionato di musica ed encomiabile Maestro. Don Naborre rinnova la Banda con l'inserimento di giovani, ragazzi e ragazze da lui preparati.

 

Il numero dei ragazzi è tale che negli anni '80 si costituisce la Banda dei ragazzi.

 

Il Corpo Musicale continua ancora la sua attività, dopo quasi un secolo di storia, in modo encomiabile, mettendo un tocco d'arte, portando una nota di festa e rendendo più solenni le diverse celebrazioni disseminate lungo l'anno.